Civile

Dalla rettifica dell’attribuzione di sesso scatta il diritto a scegliere liberamente il nuovo nome

di Paola R0ssi

L'attribuzione di un sesso diverso determina anche la libera scelta di un nuovo nome adeguato all'avvenuta modifica dello stato civile. La Corte di cassazione - con l'ordinanza n. 3877 di ieri - ha infatti bocciato la decisione dei giudici di merito perché avevano limitato la modifica del nome (tecnicamente prenome) alla declinazione al femminile di quello precedente la rettificazione di attribuzione di sesso. La Corte di cassazione al contrario nell'interpretare la legge 164/1982 ha ritenuto - decidendo...