Penale

Offese su Whatsapp: occorre distinguere tra ingiuria e diffamazione

di Pietro Alessio Palumbo

Il punto lo fa la Cassazione con la sentenza 28675/2022

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

La questione affrontata dalla recente sentenza della Corte di Cassazione 28675/2022 attiene al corretto inquadramento sotto il profilo dell'ingiuria piuttosto che della diffamazione degli scritti offensivi in una chat Whatsapp. Nella vicenda il fatto consisteva nell'invio, da parte della imputata, di plurimi messaggi scritti e audio in una chat di whatsapp a cui partecipavano un suo contatto ed altre giovani ragazze, dal contenuto pesantemente offensivo nei confronti del contatto stesso. Messaggi...