Penale

Contro la corruzione messa alla prova allargata

di Chiara Bussi e Bianca Lucia Mazzei

Il nome in codice è Dpa, dall’acronimo inglese. Sta per «Deferred prosecution agreement»: un accordo tra l’autorità inquirente e un’azienda nel mirino per rinviare il processo per corruzione. E per sospenderlo se l’impresa si impegna a collaborare, a risarcire il danno e ad avviare un piano di “rieducazione”. Lo strumento - come mostra la fotografia scattata dal Sole 24 Ore con il contributo di Hogan Lovells sui sistemi di prevenzione messi in campo da cinque big mondiali - esiste dagli anni 90 negli...