Penale

Nessuna scriminante per l'avvocato che appella il magistrato con espressioni offensive

di Pietro Alessio Palumbo

Lo ha chiarito la corte di Cassazione con la sentenza 22376/2022

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

La disciplina penalistica dispone che non sono punibili le offese contenute negli scritti presentati o nei discorsi pronunciati dalle parti o dai loro patrocinatori nei procedimenti dinanzi all'Autorità Giudiziaria quando le offese concernono l'oggetto della causa. Con la recente sentenza 22376/2022 la Corte di Cassazione ha chiarito che, tuttavia, se per un verso è vero che la tutela della libertà della difesa, potrebbe non essere efficiente se non libera dalla preoccupazione di possibili incriminazioni...