Civile

Il giudice se accerta il cambio irregolare del contatore non può attribuire validità alla bolletta dell'Enel

di Paola Rossi

Nei contratti di somministrazione lo strumento che misura il consumo va installato o sostituito "in contraddittorio"

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

La Cassazione dà ragione al cliente di Enel servizio elettrico e Enel distribuzione che contestava la debenza di un conguaglio fondato su consumi inusitatamente più elevati di quelli normalmente rilevati e soprattuto calcolati in base all'ultima lettura effettuata su un vecchio contatore difettoso, ma sostituito irregolarmente in assenza dell'utente.

Secondo la sentenza n. 21564/2022 Enel non ha garantito la prova della propria pretesa verso il cliente da cui pretendeva il pagamento di una somma calcolata in base alla lettura documentata da una foto riferita al vecchio contatore che andava sostituito alla presenza del titolare dell'utenza.

Ribadisce la Cassazione che l'assenza di contraddittorio al momento della sostituzione del vecchio contatore con il nuovo non consente nei contratti di somministrazione a consumo di controbattere alla contestazione del cliente sull'entità dei consumi esposti in bolletta.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©