Penale

L'accesso abusivo al sito di Beppe Grillo non è aggravato dall'interesse pubblico

di Paola Rossi


La violazione del sistema informatico del blog personale del fondatore dei 5 Stelle non è provato che si sia estesa al sito del movimento, ma ugualmente l'aggravante non scatta per l'attività politica

Il sito dell'ispiratore del Movimento 5 Stelle - beppegrillo.it - non è di "interesse pubblico", quindi l'accesso abusivo a esso non fa scattare l'aggravante, che aumenta da 5 a 8 anni le pene detentive previste per il reato base (da 1 a 3 anni). La Cassazione penale con la sentenza n. 24576/2021 depositata oggi ha precisato, infatti, che l'attività politica per quanto sia di sicuro interesse sociale non determina quell'interesse pubblico del sistema informatico che scatta, invece, quando questo ...