Penale

Sistema europeo di informazione sui casellari giudiziali, via libera dal Cdm

Il Dlgs che attua un direttiva Ue riguarda i cittadini di Paesi terzi. Draghi: Spero riforma della Giustizia sia completata con prontezza, serve anche alla toghe

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

Nella giornata di ieri, il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del ministro della giustizia Marta Cartabia, ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2019/884 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 aprile 2019 che modifica la decisione quadro 2009/315/GAI del Consiglio per quanto riguarda lo scambio di informazione sui cittadini di Paesi terzi e il Sistema europeo di informazione sui casellari giudiziali (ECRIS), e che sostituisce la decisione 2009/316/GAI del Consiglio.

Questa mattina in un messaggio inviato al convegno 'La riforma Cartabia - Nuove sfide per una giustizia che cambia' in corso all'Università di Padova, il Presidente Draghi ha affermato: "Gli italiani si aspettano dalla magistratura decisioni giuste e prevedibili, in tempi brevi. Gli stessi magistrati hanno bisogno di una riforma che rafforzi la loro credibilità e terzietà. Questi sono i principi alla base della riforma del Governo, che auspico possa essere completata con prontezza".

L'obiettivo primario delle nuove norme, spiega un comunicato del Governo, è di consentire uno scambio efficace di informazioni sulle condanne di cittadini di paesi terzi tramite il Sistema europeo di informazione sui casellari giudiziali (ECRIS). A tal fine, si adottano misure per garantire che le condanne siano corredate di informazioni sulla cittadinanza o sulle cittadinanze della persona condannata e procedure di risposta alle richieste di informazioni, con l'integrazione dell'estratto del casellario giudiziale richiesto da un cittadino di Paese terzo con le informazioni provenienti da altri Stati membri.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©