Professione e Mercato

Fan Token: criptoattività nello Sport

di Stefania Cappa*

Rientrano nella categoria dei c.d. utility token poiché rappresentativi unicamente del diritto di acquistare beni e servizi del soggetto emittente (c.d. utility token), con espressa esclusione di finalità di natura monetaria, speculativa e partecipativa

I tifosi di calcio ora possono prendere parte alla vita dei club preferiti con "monete" virtuali chiamate Fan Token: trattasi di asset digitali, ovverosia gettoni virtuali che consentono al tifoso che li detiene di partecipare attivamente alla vita del club mediante quiz, giochi a premi, concorsi, sconti che la società sportiva offre.

Il breve scritto che segue si pone semplicemente l'obiettivo di fornire al lettore qualche informazione su questo genere particolare di asset virtuale.

Preliminarmente, vale forse la pena di rivedere che, in linea generale e in estrema sintesi, le criptoattovità possano raggrupparsi in diverse categorie, quali Central Bank Digital Currency, Criptoattività native, Criptoattività sintetiche, Stable Coin e Token.
Senza addentrarsi in approfondimenti tecnici, va comunque tenuto presente un minimo di inquadramento regolamentare delle diverse criptoattività.

In questo scritto ci si soffermerà sui c.d. Fan Token.

Va detto ancora che le Criptoattività che includono le criptovalute, possono configurare attività finanziarie e non. Tra queste ultime, ovverosia le attività non finanziare, rientrano a titolo esemplificativo le proprietà immobiliari, beni e servizi, beni da collezioni e commodities.

In quest'ultima categoria, dunque, rientrano i c.d. Fan Token.

Perché "Fan- Token"?

Si chiamano "fan token" - "gettone del fan" perché sono criptovalute che, per l'appunto, permettono al tifoso che le ha acquisite di accedere ad una serie di servizi del club preferito. Il fenomeno non interessa solo i club calcistici, ma anche le squadre di basket dell'NBA e si sta estendendo sempre più nel mondo dello Sport.In generale, si osserva che il Fan Token non è scambiabile con denaro, ma solo con servizi e ed il suo prezzo oscilla sul mercato.

Come avviene l'acquisto/vendita?

Solitamente la gestione è rimessa dal club alla società che si occupa di vendere il Fan Token e l'operazione ha luogo tramite un'applicazione o una pagina web a ciò dedicata.È possibile individuare un primo momento, ovverosia quello nel quale il club di calcio sceglie quali Token mettere sul mercato ed a che prezzo, individuando quindi anche la data a partire dalla quale le "monete" virtuali sono disponibili e chi ne ha interesse può comperarle, così entrando a far parte della "community" dei possessori. Si osserva che, conclusa questa prima fase c.d. Fan Token Offering (Fto), il valore dei gettoni oscilla in base all'andamento del mercato, esattamente come qualsiasi titolo partecipativo: a tal proposito, quindi, per comprarne uno occorrerà trovare qualcuno che venda e, più saranno ricercati, più il prezzo si alzerà. Ancora, ovviamente, se più possessori vorranno venderli, meno varranno.
Orbene, non sempre i risultati sportivi dei club seguono la variazione del prezzo del token e ciò avviene perché un club potrebbe offrire servizi più interessanti ed esclusivi e quindi, il possessore non avrebbe interesse a rinunciare al suo gettone, venendo meno la sua utilità a vendere.

Dove si comprano i Fan Token?

Una piattaforma d'eccellenza sulla quale comprare i Fan Token è Socios.com: è la più utilizzata dai tifosi delle squadre italiane, ha un proprio ecosistema ed una sua "moneta" che si chiama Chiliz. È attraverso i Chiliz, infatti, che i tifosi acquistano i fan token dei club preferiti, quali il Milan, l'Inter o la Juventus. I Chiliz hanno prezzi diversi e variano, come detto, in base al mercato.Ancora, per poter comprare un Fan Token su Socios.com è necessario acquistare un Chiliz: sarà quindi necessario avere precedentemente acquistato del denaro virtuale per poi ottenere il gettone virtuale Chiliz.

Ma come avviene la vendita del Fan Token su Socios.com?

La piattaforma promuove un'offerta che si articola in due momenti: in un primo tempo il club partner (che può essere a titolo esemplificativo il Milan o la Juventus) concorda con Socios.com un prezzo iniziale del Token in Chiliz, dopodiché il tifoso può acquistarlo entro la data prevista e al prezzo bloccato dell'offerta. Terminata questa prima fase il Fan Token subirà le oscillazioni di mercato come una normale criptovaluta.Si osserva che Socios.com si basa sulla tecnologia blockchain di Chiliz utilizzata per le criptovalute.
In ogni caso, da un punto di vista normativo, i Fan Token di Socios.com fanno parte – secondo l'opinione dei cultori - della famiglia delle monete virtuali (in senso stretto) che non sono regolamentate dai mercati finanziari e la loro disciplina è demandata alla pattuizione contrattuale tra le parti, leggibile sulle pagine web delle piattaforme. Si discute ancor oggi se il Fan Token rientri in uno specifico Token al fine della sua regolamentazione, ma la conclusione è che non può trattarsi né di uno strumento finanziario né di un prodotto finanziario aprendo non poca incertezza sul fronte del diritto commerciale e tributario.
Infine è possibile concludere sostenendo che i Fan Token, rientrano nella categoria dei c.d. utility token poiché rappresentativi unicamente del diritto di acquistare beni e servizi del soggetto emittente (c.d. utility token), con espressa esclusione di finalità di natura monetaria, speculativa e partecipativa.

_____

*A cura di Stefania Cappa, Avvocato specializzato in Diritto dello Sport e Diritto Penale; Partner dello Studio Legale Ermanno Cappa & Partners

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©