Penale

Reati fallimentari, consegnata la relazione della Commissione Bricchetti

La Ministra della Giustizia, Marta Cartabia: "C'è la massima disponibilità nel trasfondere all'interno dell'ordinamento le vostre proposte, una volta passate attraverso il vaglio politico"

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

Pronta la Relazione della Commissione sui reati fallimentari. "Da parte mia, c'è la massima disponibilità e sollecitudine nel trasfondere all'interno dell'ordinamento le vostre proposte, una volta passate attraverso il vaglio politico". La Ministra della Giustizia, Marta Cartabia, esprime "soddisfazione" nel ricevere la relazione finale: "Un altro importante tassello comincia ad avere forma, per essere presentato nelle competenti sedi politiche" – ha specificato la Guardasigilli.

Il presidente della Commissione, Renato Brichetti, ha illustrato le principali direttrici di intervento, in una riunione nella sala Livatino del Ministero, alla presenza dei componenti della Commissione, alcuni dei quali collegati anche da remoto; del capo di Gabinetto, Raffaele Piccirillo, dei suoi vice, Guido Romano e Nicola Selvaggi; di rappresentanti dell'Ufficio legislativo.

La Guardasigilli ha rinnovato la sua gratitudine ai membri di questa Commissione, come di tutte le altre istituite nell'ultimo anno al Ministero, "per la preziosa collaborazione al servizio delle Istituzioni, senza la quale – ha commentato la ministra Cartabia – non sarebbe pensabile portare avanti un piano così ambizioso di interventi normativi, come quello messo in atto nell'ultimo anno. Il lavoro di questa commissione è il coronamento di un settore di riforme – che riguardano crisi di impresa e insolvenza – che ci ha impegnato moltissimo: sono stati fatti tre blocchi di intervento molto corposi e significativi, seguiti in particolar modo dal vice capo di Gabinetto, Guido Romano".

I lavori della Commissione sui reati fallimentari si sono svolti parallelamente a quelli sulla crisi d'impresa e l'insolvenza sulla cui base il codice della crisi è stato modificato con il d.lgs. 17 giugno 2022, n. 83 di recepimento della direttiva europea 1023/2019.

Al fine di completare il ciclo di riforme in materia di crisi di impresa e di insolvenza, occorre, dunque, procedere ad un coordinamento degli esiti della commissione sui reati fallimentari rispetto alle novità introdotte con il suddetto d.lgs. 83.

Istituita con decreto ministeriale il 13 ottobre 2021, la Commissione per la revisione dei reati fallimentari – presieduta da Renato Brichetti, Presidente di Sezione della Corte di Cassazione – a cui hanno partecipato Raffaele Piccirillo, capo di Gabinetto, e Franca Mangano, capo dell'Ufficio legislativo è stata composta da Enrico Basile (assistent professor di Diritto penale), Alessandro Buccino Grimaldi (magistrato), Massimo Donini (professore di Diritto penale), Fausto Giunta (professore di Diritto penale), Francesco Mucciarelli (professore associato di Diritto penale), Luigi Orsi (magistrato), Vincenzo Picciotti (magistrato), Luca Pistorelli (magistrato), Marco Riva (commercialista), Sergio Seminara (professore di Diritto penale), Paolo Veneziani (professore di Diritto penale) e Maria Vessichelli (magistrato).

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©