Giustizia

Nordio: anche dimissioni sulle intercettazioni

di Giovanni Negri

Alla Camera , ribadisce quanto affermato al Senato , imputando alla magistratura «un difetto di vigilanza»

Non fa marcia indietro il ministro della Giustizia Carlo Nordio sulla riforma delle intercettazioni. E, alla Camera , ribadisce quanto affermato al Senato , imputando alla magistratura «un difetto di vigilanza», ma «non è vero che ho accusato i pubblici ministeri di diffondere le intercettazioni». Tuttavia Nordio contro questa «diffusione arbitraria» sottolinea di essere pronto a battersi «fino alle dimissioni».

Parole cui replica l’Anm, per bocca del presidente Giuseppe Santalucia: «sulle intercettazioni...