Professione e Mercato

Anf, aumenta l'arretrato - Pansini: "servono subito risorse"

In breve

I tempi di erogazione dei fondi europei si allungano mentre l'urgenza sull'arretrato civile è il presente

"Il Ministero della Giustizia ha presentato un progetto ad hoc destinato al Recovery Fund, ma i tempi di materiale erogazione dei fondi europei si allungano e l'urgenza sull'arretrato civile è il presente. Mentre l'aumento del numero dei procedimenti civili al 30 giugno 2020 (sono 3.321.149), dopo il primo lockdown, era prevedibile, i numeri delle cause a rischio "legge Pinto" continuano a crescere indipendentemente dalla situazione emergenziale della primavera scorsa. Servono risorse, fondi e un'organizzazione più manageriale del lavoro, subito". L'appello arriva dall'Associazione Nazionale Forense.

"I numeri – continua segretario generale Luigi Pansini– parlano chiaro: a giugno del 2019, in Cassazione pendevano 77.289 procedimenti ultra-annuali: al 30 giugno 2020 sono 84.965. Dinanzi alle Corti di Appello, i procedimenti ultra-biennali erano 101.930 al 30.6.2019 mentre al 30.6.2020 sono 100.297. Infine, dinanzi ai Tribunali, al 30.6.2019 i procedimenti ultra-triennali erano 351.699, al 30.6.2020 (dopo una considerevole flessione – 337.740 – dell'ultimo trimestre 2019) sono 352.911".

"Il nostro Paese – aggiunge Pansini – da diversi anni cerca di far fronte al problema dei tempi della giustizia civile, ma questi stessi dati mostrano un'oggettiva difficoltà a gestire l'arretrato pur nella consapevolezza che i rapporti ministeriali dal 2014 in poi hanno sempre individuato nella definizione dell'arretrato la principale criticità della giustizia civile in Italia. Stupisce che ancora oggi nessuno si sia preoccupato, una volta per tutte, di concentrare l'attenzione sulle cause di questo andamento sempre crescente dei procedimenti a "rischio Pinto".

"È evidente che qualcosa si inceppa nella gestione e trattazione dei procedimenti in entrata, da una parte, e di quelli che sono sul punto di superare la soglia temporale stabilita dalla legge Pinto, dall'altra. Oggi più che mai occorre intervenire con prontezza; il dato dell'aumento dei procedimenti civili complessivamente pendenti registrato al 30 giugno 2020 suona come un campanello d'allarme e, in attesa dei fondi europei destinati alla giustizia, serve un approccio mirato sulle cause che danno origine alle criticità, così rassicurando i cittadini sul loro diritto ad una giustizia efficiente e di qualità" – conclude Pansini.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©

Newsletter

Ogni mattina l'aggiornamento puntuale su tutte le novità utili per la tua professione.
Una bussola indispensabile per affrontare serenamente la giornata professionale.