Famiglia

Divisione della comunione de relato, la riforma del 2015 non è retroattiva

di Giovanni Negri

Link utili

Tratto da Plusplus24 e Smart24

In breve

La novità infatti incide sui termini di prescrizione

La nuova disciplina sulla cessazione della comunione, prevista dalla riforma sul “divorzio breve”, non è retroattiva e non si applica ai procedimenti di divisione della comunione de residuo (quella che riguarda i beni personali appartenenti ai coniugi, che non rientrano nella comunione legale e che, se non consumati, sono divisi in parti uguali tra i coniugi al momento dello scioglimento) in corso al momento dell’entrata in vigore della legge n. 55 del 2015. Lo chiarisce la Cassazione con la sentenza...