Lavoro

Dla Piper: da lunedì in studio col green pass e per tre giorni la settimana

di Francesco Machina Grifeo

In breve

Lo studio legale internazionale, presente in 40 paesi, inizia la sperimentazione lanciando la nuova policy "Reconnect", tre giorni alla settimana in studio col certificato verde

Nonostante alcune incertezze sull'applicabilità anche ai liberi professionisti dell'obbligo del green pass (previsto dal decreto legge approvato giovedì dal Governo per tutti i lavoratori), c'è chi getta il cuore oltre l'ostacolo e già pianifica il ritorno in sede grazie proprio al certificato verde.

Così fa, per esempio, DLA Piper , oltre 300 professionisti in Italia distribuiti tra Roma e Milano (fatturato 100mln), che ha lanciato una nuova policy dall'evocativo nome: "Reconnect", con lo scopo di riportare alla scrivania, un po' alla volta, tutti gli avvocati. Ovviamente green pass alla mano.

Sin da ora, infatti, lo Studio raccomanda a tutti di recarsi in ufficio muniti del certificato e, fino al 15 ottobre, offre la possibilità di eseguire il tampone a spese dello Studio (presso le strutture individuate).

"Con Reconnect - spiega Giampiero Falasca, Partner e People Strategist di DLA Piper - puntiamo a superare la fase di smart working emergenziale, senza perdere di vista i vantaggi del lavoro agile, cercando un nuovo equilibrio tra presenza dentro e fuori l'ufficio".

Per ora dunque la policy prevede che professionisti e staff tornino in ufficio per almeno tre giorni a settimana, mantenendo per le restanti giornate lavorative la possibilità di lavorare in modo "agile", con tempi e modalità definiti di concerto con il management.

"La nuova normativa sul Green Pass – conclude Falasca - agevola questo percorso: proprio per questo, in attesa che entri in vigore l'obbligo per tutti, già da lunedì prossimo raccomanderemo a tutti i nostri professionisti e dipendenti di procurarsi la certificazione prima di venire in ufficio. Sarà una fase volontaria e sperimentale che dovrebbe aiutare tutta la nostra comunità a prendere consapevolezza di quanto è importante l'impegno di tutti per mantenere sicuri i luoghi di lavoro".

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©