Comunitario e Internazionale

Due nuovi giudici al Tribunale dell'Unione europea assumono oggi le funzioni

In breve

Udienza solenne della Corte di giustizia per l'investitura fino ad agosto 2022

Con la decisione del 13 ottobre 2021, i rappresentanti dei governi degli Stati membri hanno nominato, in qualità di giudici al Tribunale dell'Unione europea, per il periodo compreso tra il 18 ottobre 2021 e il 31 agosto 2022, Krisztián Kecsmár, in sostituzione di Zoltán Csehi, e Ion Gâlea, in sostituzione di Octavia Spineanu-Matei. Un'udienza solenne della Corte di giustizia si tiene oggi in occasione dell'assunzione delle funzioni da parte dei nuovi membri.
L'udienza solenne sarà trasmessa in diretta a partire dalle ore 12.00 sul sito accessibile dal seguente collegamento: https://c.connectedviews.com/cdj.

I nuovi membri

Krisztián Kecsmár, nato nel 1975, laurea in giurisprudenza (Università Parigi Saclay, Francia 1998); specializzazione in diritto internazionale e diritto europeo (Università Parigi Saclay, 1999); master in impresa e diritto dell'Unione europea (Università Parigi Saclay, 2000); collaboratore in uno studio legale a Budapest (Ungheria) (2001-2005); incaricato dei dossier presso la Direzione generale della Società dell'informazione e dei media (2005-2009), poi alla Direzione generale della Concorrenza della Commissione europea (2009-2015, 2016, 2018-2021); distaccato nell'interesse del servizio da parte della Commissione presso il Ministero della Giustizia dell'Ungheria, in qualità di membro del gabinetto del Ministro degli Affari esteri (2015); segretario di Stato alla cooperazione giudiziaria internazionale ed europea in seno al Ministero della Giustizia dell'Ungheria (2016-2018); capo del team del candidato Trócsányi alla carica di commissario europeo (2019); caporedattore di una rivista multidisciplinare ungherese sull'Unione europea (dal 2017), autore di numerose pubblicazioni giuridiche in materia di diritto dell'Unione; giudice al Tribunale dal 27 ottobre 2021

.Ion Gâlea, nato nel 1978, specializzazione in diritto europeo [Università Parigi I, Panteon Sorbona) (corso del Collegio giuridico franco-rumeno di studi europei, Bucarest, Romania, 2000)]; laurea in giurisprudenza (Università di Bucarest, 2000); master in relazioni internazionali (Scuola nazionale di studi politici e amministrativi, Bucarest, 2002); master in studi europei (Università di Graz, Austria, 2006); dottorato in giurisprudenza (Università di Bucarest, 2008); esperto (attaché diplomatico) presso la Direzione per il diritto internazionale e dei trattati del Ministero degli Affari esteri della Romania (2000-2002); capo del servizio per il diritto dell'Unione del Ministero degli Affari esteri della Romania (2002-2007); notaio pubblico (2007-2009); esperto (2009), poi direttore della Direzione per il diritto dell'Unione del Ministero degli Affari esteri della Romania (2009-2010); direttore generale per gli affari giuridici del Ministero degli Affari esteri della Romania (2010-2016); ambasciatore di Romania in Bulgaria (2016-2020); direttore generale del dipartimento per le relazioni bilaterali europee e la cooperazione regionale presso il Ministero degli Affari esteri della Romania (2021); assistente universitario (2002-2012), poi professore incaricato (2012-2016), libero docente (2016-2021) e professore (dal 2021) presso l'Università di Bucarest; visiting professor presso l'Accademia diplomatica di Erevan, Armenia (2010), l'Istituto diplomatico rumeno (2009-2015) e l'Università de A Coruña, Spagna (2016); autore di numerose pubblicazioni; giudice al Tribunale dal 27 ottobre 2021.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©