Penale

Facebook, non è stalking il post pubblico che prende in giro qualcuno di identificabile

di Paola Rossi

Link utili

Tratto da Plusplus24 e Smart24

In breve

Viene meno l'elemento dell'invasività nella vita privata capace di generare il perdurante stato d'ansia

La pubblicazione di post "canzonatori" su un profilo Facebook pubblico non integra il reato di stalking. Così la Corte di cassazione penale con la sentenza n. 34512/2020 ha fatto rilevare che per integrare il reato ex articolo 612 bis del Codice penale deve scattare quello stato d'ansia ingenerato da comunicazioni invasive della sfera privata quali sono, invece, gli sms telefonici o i messaggi di Whatsapp indirizzati direttamente alla "vittima".

Nel caso specifico il profilo pubblico creato dall'imputato assolto metteva in berlina il comportamento dei proprietari dell'appartamento che lui deteneva in locazione. Il profilo faceva in modo ironico rilevare come i proprietari pur essendo evasori fiscali per avergli affittato la casa in nero avevano poi comportamenti moralistici come quelli di tutela attiva per la salute degli animali. I post pubblicati dall'imputato sul profilo pubblico facevano sì che i propri locatari potessero leggerli solo per scelta volontaria. Inoltre, le loro generalità non venivano esplicitate anche se erano individuabili. Il tono sfottente dei post era comunque ascrivibile al legittimo esercizio della libertà di manifestazione del pensiero, in particolare nella specie del diritto di critica.

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©