Immobili

Il ripostiglio comune non si può vendere

di Rosario Dolce

In breve

Lo sostiene la Cassazione con la sentenza n, 9361/2021

Le parti comuni o le loro porzioni annesse alla proprietà privata (come, per esempio, una parte di un volume tecnico) non si possono vendere senza il consenso di tutti i condòmini, pena la nullità del contratto di compravendita in favore di terzi. Lo precisa la Cassazione (sentenza 9361/2021).

Il caso da cui prende spunto la controversia è un edificio costruito da alcuni fratelli e in proprietà indivisa degli stessi. In particolare, con la vendita di un'unità immobiliare ubicata all'interno del fabbricato...