Civile

L’ok sui conti nel penale vale anche nel tributario

di Rosanna Acierno

In caso di accertamento di maggiori redditi basato sull’inattendibilità della contabilità, il giudice tributario non può non tener conto della veridicità delle scritture contabili attestata dal tribunale al momento della omologazione dell’accordo di ristrutturazione dei debiti e della pronuncia penale di assoluzione perché il fatto non sussiste. Anche se, infatti, il procedimento penale e quello tributario non si influenzano tra loro, il giudice tributario può comunque valutare il materiale probatorio...