Comunitario e Internazionale

La proprietà intellettuale in tempo di guerra: il Tribunale russo sul caso "Peppa Pig"

di Ilaria Frascarolo*

Il Tribunale russo rigetta il ricorso esclusivamente in virtù dell'asserita "ostilità" dimostrata dal Paese di appartenenza del ricorrente

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

A fronte dell'incessante susseguirsi di sanzioni economiche irrogate alla Federazione Russia dalla gran parte dei Paesi occidentali, il governo del primo ministro sovietico Mikhail Mishustin ha risposto con l'emanazione del decreto n. 299 del 6 marzo 2022, inserendo le principali potenze mondiali in una vera e propria black-list costituita dai "paesi ostili" alla Russia. Naturalmente, i risvolti di tale presa di posizione non si sono fatti attendere, neppure a livello giuridico e processuale.

Ed infatti, alla fine della seconda settimana di marzo sono emerse alcune prime segnalazioni riguardo alla decisione assunta dal Tribunale arbitrale di Kirov, Russia, sul ricorso presentato da Entertainment One, titolare dei diritti di copyright sul notissimo cartone animato per bambini Peppa Pig. La società americana aveva intentato un'azione nei confronti di un imprenditore russo che, secondo la ricorrente, aveva illegittimamente sfruttato i suoi diritti di proprietà intellettuale, realizzando una propria versione, non autorizzata, del cartone animato Peppa Pig, e chiedeva perciò un risarcimento pari a 40.000 rubli (pari a meno di 400 euro).

Il Tribunale si pronunciava respingendo il ricorso, ma, nel merito, ometteva del tutto di illustrare l'iter logico-argomentativo sotteso alla decisione assunta. Il giudice, anzi, giustificava il proprio provvedimento di rigetto con la perpetrazione, ai danni della Russia, di "azioni ostili da parte degli Stati Uniti e dei suoi Stati esteri". In altre parole, il Tribunale russo ometteva consapevolmente di fondare la propria decisione analizzando il merito della vicenda, e rigettava il ricorso esclusivamente in virtù dell'asserita "ostilità" dimostrata dal Paese di appartenenza del ricorrente, in questo caso, quindi, dagli Stati Uniti.

Tale decisione, che costituisce senz'altro un precedente di non scarsa rilevanza nel contesto di riferimento, è stata presa all'indomani dell'emanazione del decreto n. 299 del 6 marzo 2022, che, tra le altre disposizioni, ha stabilito che il Governo Russo possa d'ora innanzi autorizzare lo sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale (tra cui brevetti, modelli di utilità e disegni e modelli), senza il bisogno di ottenere il consenso o l'autorizzazione degli effettivi titolari, se e in quanto appartenenti ai c.d. "paesi ostili" alla Russia (o anche semplicemente in quanto il loro "profitto principale" risulti riferibile a uno degli Stati inseriti nella black list).

Il decreto, peraltro, ricalca parzialmente quanto già previsto dal codice civile russo all'art. 1360, che sancisce la possibilità per il governo russo di utilizzare, in maniera sostanzialmente inopinata, diritti di brevetto di invenzione e altri diritti di proprietà intellettuale, quando si debba far fronte a situazioni urgenti, legate alla difesa e alla sicurezza della Russia.

Con il predetto recentissimo decreto, tuttavia, scompare anche la previsione dell'"equo compenso" riconosciuto al titolare, e ciò in violazione dell'Accordo internazionale TRIPs (Agreement on Trade-related Aspects of Intellectual Property Rights), che prevede il rispetto di garanzie minime nei confronti dei titolari dei diritti di proprietà intellettuale.

In questo complesso panorama normativo, qualora questo precedente non rimanesse isolato, potrebbe in concreto realizzarsi un duplice pericolo: da una parte, sul territorio russo, verrebbero compromessi tutti i diritti di proprietà intellettuale appartenenti a soggetti e persone giuridiche il cui business sia in qualche modo "connesso" a Paesi inclusi nella black list; dall'altro lato, in un'ottica più a lungo termine, sarebbero messe in discussione anche le garanzie minime riconosciute a livello mondiale dal WTO (World Trade Organization), ciò che costituirebbe un vero e proprio attentato all'intero sistema dei diritti di proprietà intellettuale su scala mondiale.

____


*A cura di Ilaria Frascarolo, Senior Associate Eptalex

Per saperne di piùRiproduzione riservata ©