Amministrativo

La prova d'esame va scartata solo se riproduce "alla lettera" il manuale di preparazione

di Pietro Alessio Palumbo

In breve

Secondo il Tar Lazio il giudice può apprezzare una bocciatura sotto i profili della logica e della non arbitrarietà

La prova scritta dell'aspirante avvocato, magistrato, colletto bianco o altro professionista abilitato, va contrassegnata come "copiata" quando emerga una riproduzione visibilmente "alla lettera" del manuale assunto a parametro di raffronto durante le verifiche; tale cioè da escludere ogni autonoma rielaborazione dell'aspirante. Secondo il Tar Lazio (sentenza n. 11009/2021) se è vero che il giudice non può sostituirsi al comitato d'esame nella valutazione delle prove, può però apprezzare una bocciatura...