Esperto RispondeResponsabilità

MATERNITÀ CON UN PERIODO D'INTERDIZIONE OBBLIGATORIA

La domanda

Una lavoratrice dipendente incinta, con contratto a tempo indeterminato e con data presunta del parto al 18 agosto 2016, vorrebbe aprire la partita Iva come professionista iscritta alla gestione separata Inps e lavorare, per un committente diverso dal datore di lavoro, anche durante il periodo trascorso a casa per la maternità. È effettivamente possibile continuare a lavorare con partita Iva durante il congedo di maternità, o parentale, da dipendente, e percepire l'indennità erogata, tramite cedolino paga, dal datore di lavoro?

Il divieto di lavoro durante il periodo di interdizione obbligatoria è assoluto e vale non solo per il datore di lavoro, ma anche in caso di svolgimento di un’attività autonoma e in proprio.Per quanto concerne il periodo facoltativo di congedo parentale, secondo l’Inps il lavoratore o la lavoratrice dipendente che, durante l’assenza dal lavoro per congedo parentale, intraprenda un’altra attività lavorativa (dipendente, parasubordinata o autonoma) non ha diritto all’indennità a titolo di congedo parentale...