Penale

Non vi è continuità normativa tra il traffico di influenze (post “spazzacorrotti”) e l’abrogato millantato credito corruttivo. Scatta la truffa

Le sezioni Unite penali della Cassazione, all’esito dell’udienza del 29 febbraio, hanno definitivamente “avallato” l’indirizzo minoritario

di Aldo Natalini

Non sussiste continuità normativa tra il reato di millantato credito corruttivo di cui all’articolo 346, comma 2, del Codice penale, formalmente abrogato dall’articolo 1, comma 1, lettera s), della legge 3/2019 (cosiddetta “spazzacorrotti) e il delitto di traffico di influenze illecite di cui all’articolo 346-bis del Cp, come rinovellato dall’articolo 1, comma 1, lettera t), della stessa legge n. 3/2019.

Così le sezioni Unite penali della Cassazione, all’esito dell’udienza del 29 febbraio, che ha ...