Civile

Omessa dichiarazione, perdite scomputate dall’imposta evasa

di Laura Ambrosi e Antonio Iorio

Link utili

Tratto da Plusplus24 e Smart24

In breve

La sentenza 16865 della Cassazione: l’interessato deve dimostrare l’esistenza di componenti negativi dalle scritture contabili

Per la quantificazione dell’imposta evasa penalmente rilevante, si considerano anche le perdite, ma l’interessato deve provarne la risultanza nelle scritture contabili o comunque produrre in giudizio elementi concreti per dimostrarne l’esistenza.

A fornire questo interessante principio è la Corte di cassazione, con la sentenza 16865 depositata il 4 maggio.

Il legale rappresentante di una srl era ritenuto responsabile nei due gradi di giudizio del reato di omessa presentazione della dichiarazione dei...