Immobili

Prima casa, il falso sull’immobile di lusso punito senza favor rei

di Angelo Busani

Con la sentenza 13145 le Sezioni unite affermano che le modifiche del 2014 (abolizione del concetto di “lusso”) non si estendono in modo retroattivo

Chi ha comprato una casa “di lusso” prima che questa qualificazione venisse abolita (periodo 2014-2015) chiedendo indebitamente l’agevolazione “prima casa”, non può invocare il favor rei e pretendere la non irrogazione della sanzione applicabile alla mendacità e cioè al fatto di aver domandato il beneficio fiscale in mancanza dei presupposti.

È quanto le Sezioni Unite decidono con la sentenza n. 13145, con la motivazione che la normativa sopravvenuta ha solamente cambiato i presupposti al cui ricorrere...