Penale

Ristorazione, frode in commercio e profili di compliance

di Mattia Miglio

Link utili

Tratto da Plusplus24 e Smart24

In breve

Sul titolare di un esercizio commerciale grava l'obbligo di impartire ai propri dipendenti precise disposizioni di leale e scrupoloso comportamento commerciale e di vigilare sull'osservanza di tali disposizioni, sicché, in difetto, si configura il reato di cui all'art. 515 cod. pen.

Con la pronuncia in commento (Corte di Cassazione, Sezione 3, Penale Sentenza 30 luglio 2020 n. 23181) la Suprema Corte offre interessanti spunti di riflessione a margine di una vicenda concernente un caso di (tentata) frode nell'esercizio del commercio nell'ambito della ristorazione.

Segnatamente, nel caso che ci occupa, all'odierna imputata - quale titolare di un ristorante - veniva contestata la violazione della fattispecie...