Lavoro

Se manca il nesso causa-effetto la stabilizzazione del lavoratore precario non sana l'illecito euro-unitario

di Pietro Alessio Palumbo

Sotto il profilo soggettivo tale nesso presuppone che la stabilizzazione sia avvenuta nei ruoli del datore di lavoro che ha posto in essere la condotta illecita in argomento

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

Nel caso di arbitraria successione di rapporti lavorativi precari l'avvenuta immissione in ruolo del lavoratore già in servizio con contratto a tempo determinato ha effetto riparatorio dell'illecito dell'amministrazione nell'unica ipotesi di specifica correlazione tra l'abuso commesso dall'ente e la "stabilizzazione" ottenuta dal lavoratore. Sotto il profilo soggettivo tale nesso presuppone che la stabilizzazione sia avvenuta nei ruoli del datore di lavoro che ha posto in essere la condotta illecita...