Famiglia

Separazioni, la chat è prova salvo un disconoscimento «forte»

di Giorgio Vaccaro

Link utili

Tratto da Plusplus24 e Smart24

In breve

Addebito al ricorrente sulla base tra l’altro di messaggi da cui emergeva la sua relazione extraconiugale

Per far perdere in un processo la qualità di prova alle riproduzioni informatiche di una chat occorre un disconoscimento «chiaro, circostanziato ed esplicito», che si deve concretizzare «nell’allegazione di elementi attestanti la non corrispondenza tra realtà fattuale e realtà riprodotta». Sono quindi inefficaci i semplici richiami, fatti dal ricorrente, ai propri scritti difensivi nei quali dichiarava che quanto rappresentato dalle riproduzioni informatiche non corrispondesse alla realtà dei fatti...