Immobili

Il pedinamento del vicino di casa non costituisce un fatto di lieve entità

di Giulio Benedetti e Camilla Curcio

Link utili

Tratto da Top24 e Smart24

La causa di non punibilità non si applica su condotte persecutorie reiterate

Pedinare il vicino di casa, rivolgergli occhiatacce e scattargli fotografie di nascosto. Non si tratta di dispetti ma di vere e proprie molestie alla base di gravi episodi di stalking condominiale. Una condotta molesta su cui non è possibile applicare la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto. Così ha stabilito la Cassazione nella sentenza 49269/2022, rigettando il ricorso di un ottantenne siciliano, accusato di aver ripetutamente importunato uno degli inquilini del palazzo in ...