Civile

Lavoratori, il cambio di azienda non configura un atto di concorrenza sleale

di Andrea Alberto Moramarco

Il passaggio di un lavoratore da una società ad un'altra operante nello stesso settore non configura di per sé un atto di concorrenza sleale, né porta automaticamente a configurare gli estremi di un illecito extracontrattuale a danno dell'ex datore di lavoro, a meno che non vi sia la prova della sottrazione di informazioni o l'utilizzo di specifiche tecniche di lavoro che diano spessore all'illecito. Questo è quanto affermato dal Tribunale di Velletri nella sentenza 1907/2019.

Il caso - La controversia...