Comunitario e Internazionale

Interinali con previdenza del Paese di origine se non si celano abusi

di Giampiero Falasca

In breve

La Corte di giustizia europea ricostruisce i termini entro i quali può essere svolta, all’interno dei confini comunitari, l’attività di somministrazione di manodopera

Il lavoratore assunto da un’Agenzia per il lavoro in uno Stato Ue per svolgere l’attività presso un’impresa utilizzatrice situata in un altro Paese membro mantiene il regime previdenziale di provenienza, a patto che l’operazione non celi una situazione fraudolenta, volta a mascherare una fittizia triangolazione che ha come unico scopo quello di scegliere il regime più conveniente.

Con una sentenza molto equilibrata (causa C-784/19) la Corte di giustizia europea ricostruisce i termini entro i quali...