Penale

Revoca o sostituzione della misura cautelare coercitiva, la persona offesa non può impugnare neanche con il ricorso per cassazione

di Valeria Cianciolo

Le Sezioni Unite sono intervenute sanando un contrasto e scegliendo l'orientamente prevalente

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

Le Sezioni Unite con la sentenza, 28 settembre 2022, n. 36754 hanno statuito il seguente principio di diritto: "La persona offesa non è legittimata ad impugnare, neanche con il ricorso per cassazione, l'ordinanza che, nei procedimenti per reati commessi con violenza alla persona, disponga la revoca o la sostituzione della misura cautelare coercitiva, diversa da quelle del divieto di espatrio o dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, in violazione del diritto di intervento per mezzo...