Gli specialiSocietà

Società a partecipazione pubblica


Percorso di approfondimento su partecipazioni societarie degli enti pubblici e rilevazioni contabili nei bilanci

Sistema generale di accesso ai documenti in possesso delle Pubbliche Amministrazioni e ostensibilità degli atti della società a partecipazione pubblica
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 29 Novembre 2022

La qualificazione della società a controllo pubblico nei casi di partecipazione da parte di una pluralità di Pubbliche Amministrazioni, nessuna delle quali, tuttavia, singolarmente detentrice di una quota maggioritaria del capitale sociale, è risultata - in sede applicativa - foriera di incertezze a livello interpretativo
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 21 Novembre 2022

Con la delibera n. 16/2022/QMIG del 3 novembre 2022 le Sezioni Riunite in sede di controllo della Corte dei conti si sono pronunciate sulla natura della funzione assegnata alla Corte dei conti dalla legge n. 118 del 2022. I dubbi sono stati ingenerati dall'utilizzo, per la qualificazione dell'attività demandata alla Corte dei conti, del termine «parere», di per sé evocativo dell'attività consultiva
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 15 Novembre 2022

L'affidamento diretto di un servizio a una società a capitale misto pubblico-privato è consentito a condizione che il socio privato sia stato previamente selezionato mediante una gara unica a doppio oggetto.
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 7 Novembre 2022

La corretta applicazione del divieto generale di erogazioni finanziarie in favore di società partecipata in situazione deficitaria
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 17 Ottobre 2022

La gestione esternalizzata dei servizi pubblici è assoggettata a stringenti limitazioni riguardanti, tra l'altro, la possibilità di sovvenzionamento degli organismi partecipati in perdita, dovendo la gestione delle società partecipate essere ispirata a criteri di efficienza.
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 27 Settembre 2022

La gestione esternalizzata dei servizi pubblici è assoggettata a stringenti limitazioni riguardanti, tra l'altro, la possibilità di sovvenzionamento degli organismi partecipati in perdita, dovendo la gestione delle società partecipate essere ispirata a criteri di efficienza.
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 20 Settembre 2022

La CGUE si è recentemente pronunciata sulla questione della eurocompatibilità o meno della permanenza dell'affidamento diretto di un servizio pubblico a favore di una società originariamente qualificabile in house providing, la quale sia risultata, nel corso dell'esecuzione dell'appalto pubblico, priva del requisito del controllo analogo a seguito di un'operazione societaria di aggregazione.
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 6 Luglio 2022

Una delle problematiche maggiormente ricorrenti nell'ambito dei rapporti finanziari tra gli enti territoriali e i soggetti dai medesimi partecipati attiene alla mancata conciliazione dei reciproci debiti e crediti iscritti nei rispettivi bilanci
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 28 Giugno 2022

La giurisdizione della Corte dei conti sulle azioni di responsabilità per mala gestio nei confronti degli amministratori delle società a partecipazione pubblica
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 17 Giugno 2022

In base all'ordinamento di matrice civilistica la cattiva gestione di una società di capitali è fonte di responsabilità patrimoniale a carico dei relativi amministratori, responsabilità che è declinata in modo differente in ragione della diversa tipologia di soggetto (potenzialmente) danneggiabile e che assume tratti peculiari - sul (duplice) piano sostanziale e processuale - nell'ipotesi in cui la società sia partecipata da un soggetto pubblico
di Rossana Mininno, Norme&Tributi Plus Diritto, 15 Giugno 2022

Rassegna di giurisprudenza a cura della redazione PlusPlus24 Diritto
Norme&Tributi Plus Diritto, 24 Febbraio 2022

Il Testo unico sulle società pubbliche (Dlgs 175 del 19 agosto 2016, Tusp) disciplina - in particolare - la crisi dell'organismo societario a partecipazione pubblica. Prima che la crisi sia conclamata, impone agli amministratori il monitoraggio costante della situazione finanziaria della società, con funzione di prevenzione. Ciò si concretizza, prima, nell'obbligo per gli amministratori di predisporre adeguati «programmi di valutazione del rischio» e di comunicare all'assemblea i provvedimenti necessari a eliminare le cause della crisi, attraverso un idoneo piano di risanamento.
di Sergio Locoratolo, Il Sole 24 Ore, Norme&Tributi - Pag. 17, 14 febbraio 2022