Immobili

Al condominio serve la soggettività

di Vincenzo Nasini

Nuova qualificazione giuridica per attuare le norme su comunità energetiche e autoconsumo

A dieci anni dal suo debutto, la riforma del condominio (legge 220/2012) presenta ancora questioni aperte, soprattutto con riguardo alla soggettività del condominio. Infatti, continua a essere prevalente in dottrina e in giurisprudenza l’opinione per cui le modifiche apportate dalla riforma non consentano di affermare una nuova qualificazione giuridica del condominio, poiché si considerano insuperati i rilievi concernenti la mancanza di autonomia patrimoniale e la configurazione dell’amministratore...