Società

Il trattamento dei crediti prededucibili sorti nel corso della procedura fallimentare

di Rossana Mininno

In breve

I crediti prededucibili sorti nel corso della procedura fallimentare e non contestati per collocazione e ammontare non debbono essere insinuati al passivo nel termine di decadenza previsto dall'articolo 101, commi 1 e 4, della Legge fallimentare

La prededuzione attua un meccanismo satisfattorio destinato a regolare tutte le obbligazioni della massa ovvero sia quelle sorte al suo interno che quelle interferenti con l'amministrazione concorsuale e influenti sugli interessi del ceto creditorio.

La codificazione dell'istituto è avvenuta con il decreto legislativo 9 gennaio 2006, n. 5, recante la "Riforma organica della disciplina delle procedure concorsuali a norma dell'articolo 1, comma 5, della legge 14 maggio 2005, n. 80", il cui articolo...