Responsabilità

Atti di bullismo più gravi se li commette un amico

di Marisa Marraffino

ADOBESTOCK
ADOBESTOCK

In breve

Il Tribunale di Forlì riconosce alla vittima un risarcimento di 20mila euro a titolo di danno morale

Se a commettere gli atti di bullismo è una persona che si reputa un amico le condotte sono ancora più odiose per la capacità di minare la fiducia nel prossimo della vittima. Lo ha stabilito il Tribunale di Forlì (giudice Valentina Vecchietti), con la sentenza 962 del 21 settembre 2021 che ha riconosciuto un risarcimento di 20mila euro in via equitativa, a titolo di danno morale, in favore di un ragazzo diciassettenne, nato con fragilità psichiche, picchiato e umiliato da un amico e due conoscenti...