Responsabilità

Incidenti, le parole dei testimoni valgono meno se non ci sono foto

di Andrea Codrino e Maurizio Hazan

La Cassazione appoggia la tesi rigorista perché oggi gli smartphone sono diffusi

La Cassazione lancia un ulteriore, e deciso, invito a trattare con rigore il tema dell'onere della prova che incombe su chi agisca per il risarcimento di un danno da sinistro stradale. Stavolta i giudici, nel valutare l’attendibilità dei testimoni portati dalle parti in causa, entrano nel campo dell’innovazione tecnologica (si veda anche l’articolo a destra), arrivando tra l’altro ad avallare il principio secondo cui, nell’era degli smartphone, non è “normale” che subito dopo l’incidente nessuno ...