Penale

Ergastolo ostativo, la riforma ha incrinato il divieto di benefici

di Giovanni Negri

Link utili

Tratto da Top24 e Smart24

Le motivazioni della scelta della Corte costituzionale di restituzione degli atti

Una scelta in qualche modo obbligata, coerente con l’orientamento consolidato. Perché il decreto legge del nuovo Governo, il primo in assoluto, ha cambiato le carte in tavola in maniera significativa sull’ergastolo ostativo, incrinando la natura della presunzione di pericolosità a carico dei detenuti che non hanno mai collaborato con la giustizia. A soli due giorni dalla camera di consiglio sono arrivare ieri le motivazioni, ordinanza n. 227 scritta da Nicolò Zanon, con le quali la Corte costituzionale...