Civile

No alla delibazione della sentenza ecclesiastica se la riserva mentale sulla fedeltà non era conosciuta

Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza n. 21571 depositata oggi

Contenuto esclusivo Norme & Tributi Plus

No alla delibazione in Italia della sentenza del tribunale ecclesiastico con la quale si annulla il matrimonio per la riserva mentale del marito sulla fedeltà, se la moglie non poteva conoscere, con la normale diligenza, il pensiero del suo ex sul punto. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza n. 21571 depositata oggi, dichiarando inammissibile il ricorso dell'uomo contro la sentenza della Corte d'appello di Lecce.

La Corte territoriale infatti aveva respinto la domanda di declaratoria...