Lavoro

Smart working, dopo l'emergenza la fase "new normal" va governata

di Francesco Ciampi

In breve

Il periodo dell'emergenza Covid-19 ha prodotto un ampio dibattito sullo smart working che ha visto da una parte una sorta di euforia sull'uso di questo strumento, e da un'altra un atteggiamento di assoluto rifiuto

Il periodo dell’emergenza Covid-19 ha prodotto un ampio dibattito sullo smart working che ha visto da una parte una sorta di euforia, forse eccessiva, sull’uso di questo strumento, considerato un modello alternativo universale di organizzazione, imperfettibile e panacea di tutti i mali del mondo del lavoro, cui si è contrapposto un atteggiamento, altrettanto eccessivo, da laudatores temporis acti, di assoluto rifiuto, con evidente rimpianto

della immarcescibile...